Consip e la Polizia unite contro il cyber crime, infatti  il Capo della Polizia, Franco Gabrielli e l’Ad di Consip, Cristiano Cannarsa, hanno firmato un protocollo di collaborazione per la prevenzione di crimini informatici a tutela dell’infrastruttura informatica e della piattaforma di e-procurement delle spa del Mef.



L’accordo è stato stipulato in attuazione del decreto del Ministro dell’Interno del 9 gennaio del 2008 che ha individuato le infrastrutture critiche di interesse nazionale, ossia i sistemi ed i servizi informatici di supporto alle funzioni istituzionali di diversi enti, pubblici e privati operanti in settori strategici per il Paese.

Senza dubbio anche i sistemi informatici e le reti telematiche Consip, in particolare la piattaforma di e-procurement, possono annoverarsi in questa categoria in quanto funzionali allo svolgimento delle attività strategiche che l’azienda gestisce con l’attuazione del Programma di razionalizzazione degli acquisti per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, e attraverso il ruolo di procurer per singole amministrazioni e per le gare a supporto dell’Agenda digitale italiana, le quali costituiscono una risorsa fondamentale per un’efficace attuazione della mission della Società.

L’intesa si pone l’obiettivo di adottare condivise procedure d‘intervento e scambio di informazioni utili alla prevenzione e al contrasto degli attacchi informatici di matrice terroristica e criminale che potrebbero avere ad oggetto l’infrastruttura Consip. La cybersecurity è, infatti, non solo una necessità, ma una priorità, che la Polizia di Stato e Consip mirano a garantire tramite interventi integrati, volti alla condivisione informativa e alla gestione congiunta degli eventi.

Il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (Cnaipic) analizzerà e condividerà le informazioni idonee a prevenire e contrastare attacchi alle reti critiche informatiche gestite da Consip, e segnalerà emergenze relative a vulnerabilità, minacce ed incidenti che pregiudichino la regolarità dei servizi di telecomunicazione. Sempre al Cnaipic identificherà l’origine degli attacchi contro infrastrutture critiche del Sistema Paese, che abbiano come destinazione le infrastrutture tecnologiche gestite da Consip per far fronte ad eventuali situazioni di crisi.


Fonte: Corriere Comunicazioni

covernewsletterdef100px