Di seguito troverete una risposta alle principali domande relative all'Attestazione di qualità e qualificazione professionale dei servizi ai sensi della legge n° 4/2013 per i soci FE.I.C.O.M., quali:

- Che cos’è la Legge 4/2013?
- Perché la Legge 4/2013 è importante per i soci FE.I.C.O.M.?
- Che cos’è l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi – legge n. 4/2013 – rilasciato dalle associazioni professionali?
- Chi può rilasciare l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi – legge n. 4/2013?
- Quali sono i contenuti dell’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi – legge 4/2013 rilasciato dall’FE.I.C.O.M.?
- In che modo la Federazione tutela i consumatori e i committenti?

Che cos’è la Legge 4/2013?

La Legge 4/2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi”, pubblicata in GU in data 26 gennaio 2013, promuove l’autoregolamentazione volontaria delle professioni non regolamentate e delle loro associazioni, con l’obiettivo di creare dei marchi di qualità che siano distintivi per i professionisti e soprattutto per chi utilizza i loro servizi professionali (v. artt. 4, 7 e 8).

Perché la Legge 4/2013 è importante per i soci FE.I.C.O.M.?

Il mondo della qualità è un mondo prevalentemente volontario. La qualificazione della professione non si basa solo su norme cogenti, come nel caso degli Ordini professionali, ma anche su strumenti di carattere volontario, ovvero certificazioni, marchi, attestati ecc. Il controllo su tali strumenti è pubblico, tuttavia molto è lasciato all’autoregolamentazione dei privati. (v. Disposizioni in materia di professioni non organizzate in ordini o collegi – Domande frequenti (FAQ) del Ministero dello Sviluppo Economico).

Che cos’è l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi rilasciato dalle associazioni professionali?

È un “attestato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi” prestati dall’associato e può essere rilasciato soltanto ai membri delle associazioni che rispettino i requisiti previsti dalla legge n° 4/2013.

Chi può rilasciare l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi?

Associazioni che, come FE.I.C.O.M. soddisfano determinati requisiti imposti dalla Legge, ovvero che verificano le competenze dei propri iscritti, ne controllano l’aggiornamento professionale costante e il rispetto del Codice deontologico, possonorilasciare ai propri associati un “attestato di qualità e qualificazione professionale dei sevizi” (v. Legge 4/2013 art. 4, comma 1, secondo periodo).
FE.I.C.O.M. rilascia tale attestato, con validità triennale. La permanenza nella categoria di socio presuppone la prevalenza e la continuità professionale e il completamento di un percorso di formazione continua mediante l’acquisizione dei crediti formativi stabiliti nell’apposito regolamento nazionale. Sul sito FE.I.C.O.M. è possibile verificare l’elenco dei soci in possesso dell’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi ex artt. 4, 7 e 8 della Legge 4/2013.

L’attestato di qualità ha una validità triennale e deve essere di volta in volta rinnovato a cura dell’iscritto, pena la decadenza dell’iscrizione stessa a FE.I.C.O.M.
L’attestazione di qualificazione professionale di comunicatore e operatore multimediale deve essere rinnovata entro il 31 marzo dell’anno successivo al compimento del triennio. La scadenza dell’attestato è riportata sull’attestato stesso.

Quali sono i contenuti dell’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi FE.I.C.O.M.?

Il documento rilasciato ai soci FE.I.C.O.M. ne attesta la regolare iscrizione all’associazione ovvero: il superamento di una procedura di selezione per titoli ed esami, l’adesione al codice deontologico dell’associazione, la prevalenza e la continuità professionale nel proprio ambito di competenza, il completamento di un programma di formazione continua attestato dall’acquisizione dei crediti formativi professionali. L’attestato indica inoltre che il socio dispone di copertura per la responsabilità civile professionale.

L'obbligo introdotto dalla legge 4/2013, all’art. 1, comma 3, è quello di fare riferimento, nei rapporti scritti con il cliente, agli estremi della legge stessa e nello specifico:
Dicitura relativa alla legge 4/2013.
Si ricorda che a partire dall’11 febbraio 2013 è obbligatorio per tutti coloro che esercitano un’attività non organizzata in ordini.

In che modo la Federazione tutela i consumatori e i committenti?

L’attività di FE.I.C.O.M. prevede specifiche misure di garanzia a tutela dell'utente, tra cui l'attivazione di uno sportello di riferimento per il cittadino consumatore, al quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell'articolo 27-ter del Codice del consumo, Dlgs 206/2005.

Per ulteriori informazioni consultare sul nostro sito il documento: Regolamento per il mantenimento e il rinnovo dell’attestato di qualità ai sensi dell’art. 4 della legge 4/2013
(clicca qui per scaricare il documento in formato pdf)